Questo sito, o gli strumenti terzi da questo utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy. Chiudendo questo banner o continuando a navigare acconsenti all’uso dei cookie.
Per saperne di più sui cookies leggi la nostra cookies policy

default_mobilelogo

sostieni il crfs lipu roma sostieni la lipu

1 Large

Cosa fare se si trova un uccello imbrattato da idrocarburi

Il giorno 9 novembre 2014 l’oleodotto ENI che trasporta il cherosene per gli aerei all’aeroporto di Fiumicino si rompe, nei pressi del canale denominato Tre Cannelle a Maccarese nel comune di Fiumicino (RM), forse per un tentativo di furto o forse per cattiva manutenzione. Oltre tre tonnellate di cherosene si riversano nella vasta rete interna di canali che irrigano i campi agricoli per confluire nel fiume Arrone, fino ad arrivare al mare all’altezza del Villaggio dei pescatori di Fregene.

I volontari della LIPU dal giorno del disastro sono sul posto per rimuovere gli animali morti, in modo da non farli mangiare agli altri animali, e per cercare animali imbrattati o feriti, così da trasportarli immediatamente e curarli nel nostro Centro Recupero di Roma. Purtroppo le conseguenze di questo enorme avvelenamento delle acque potrebbe estendersi anche molto oltre la zona critica dello sversamento, e potrebbe capitare di trovare uccelli acquatici imbrattati anche a distanza di chilometri.

Cosa fare se si trova un uccello imbrattato di idrocarburi:

La prima cosa da fare è sicuramente quella di contattare il Centro Recupero Fauna Selvatica LIPU di Roma (tel. 06.3201912) così da ricevere le giuste indicazioni per il caso specifico in cui ci si è imbattuti.

Il primo soccorso per questo tipo di incidente consiste nel pulire il prima possibile le parti scoperte dal piumaggio in quanto l’idrocarburo è tossico anche per contatto perché assorbito a livello cutaneo. Quindi con delle garze e dell’olio di vasellina si può procedere a pulire becco, narici, occhi e zampe avendo l’accuratezza di usare dei guanti di lattice per evitare di intossicarsi a propria volta. Successivamente sistemare l’animale in una scatola di cartone con una ciotola d’acqua a disposizione.2 Large

Attenzione, non lavare l’animale! Il lavaggio del piumaggio è un’operazione molto stressante e va eseguita solo dopo aver stabilizzato le condizioni generali del volatile.  Infatti l’intossicazione provoca un indebolimento tale da non consentire agli uccelli imbrattati di sopravvivere allo stress del lavaggio. Per questo è importante trasportare l’animale qui nel nostro Centro il prima possibile, in modo da poterlo mettere in flebo e se necessario alimentarlo forzatamente con un sondino prima di procedere a rimuovere il cherosene dal piumaggio.

Per qualsiasi informazione:

CENTRO RECUPERO FAUNA SELVATICA LIPU di ROMA
Via Ulisse Aldrovandi,2 (angolo Via Belle Arti) 00197 Roma
tel/fax 06.3201912 orario 9.30-17.30 continuato  tutti i giorni compresi i festivi
sito web: www.crfslipuroma.it  email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter CRFS Lipu

Resta aggiornato sulle nostre attività
Privacy e Termini di Utilizzo

Contatti CRFS Lipu

Centro Recupero Fauna Selvatica
Lipu di Roma

Via Ulisse Aldrovandi, 2 
(angolo Via Belle Arti) 
00197 Roma

Tel/fax 06.3201912

Email: crfs.roma@lipu.it

Aperto tutti i giorni, compresi i festivi, orario continuato:
9.30-17.30